lunedì 26 agosto 2013

Presentat'arm

- Vieni, dobbiamo parlare.
- Devi proprio stare male Papà.
- Il tempo é caparbio. Lui non aspetta.
- Papà, prima vorrei chiederti dei tuoi sogni. Quello che avresti voluto si trasformasse in realtà.
- Vorrei fotografare i pensieri. Riguardarli, interpretarli. Vorrei riuscire a decifrarli. Vorrei potessero dare un senso alle giornate prive di un perché.
- Ora dimmi Papà.
- Negli anni le cose sembrano modificarsi, cambiare, trasformarsi. Pochi comprendono che quello che cambia é solo il nostro modo di osservarle. Il tempo é una pialla che ad ogni passata asporta uno strato della nostra anima. Credo che a riempirci la vita sia la forza dell'illusione. Perché la pialla é inarrestabile.
- Te ne sei andato quasi senza avvisare
- Forse avevo solo paura di soffrire.
- Buon viaggio Papà.
- Addio ragazzo

La mano sul petto stringe il berretto mentre rimaniamo in silenzio con lo sguardo rivolto al cielo. Un sorriso illumina i nostri volti.
I legionari della fatica si uniscono nel presentat'arm dedicato al Papà del Nafta.

3 commenti: