domenica 19 luglio 2020

Lo specchio (magico) del tempo

Gugol, Gugol delle mie braghe
dammi indicazioni che non siano vaghe


lunedì 1 giugno 2020

Una bella mota di fagiolini

Par sinque mesi mi a lasciato senza gnanca un fagiolino.
Ero cusita catìo che ci avevo tirato dietro anca qualche bela siraca.
Senonchè ancò il signor Inps mi a dato anca i retrati e così tuto in un colpo mi sono catato una bella mota di fagiolini.
Alora o ciamato il mio amico Ivo e siamo andati al bar che a apena riverto dopo la disgrassie che ci sono state.
Quando o visto le paste sgonfe di marmelata o pensato: speriamo che il mio amico Ivo abia la pansa piena così non mi toca pagarci anca il bombolone.
Devo stare tento parchè al giorno de ancò si fa in pressia a restare sensa fagiolini.

martedì 12 maggio 2020

Il Glande Untore

Ad un ragazzo ventinovenne di Seul sono bastate tre notti di movida per infettare 86 persone.
L’uomo, come riporta Il Corriere di oggi, è stato scoperto grazie alla app governativa “Corona 100 m” che ha tracciato movimenti e contatti del Grande Untore.
Nonostante la difficoltà degli orientali nel pronunciare la "erre", con il serio pericolo che l'aggettivo Grande si trasformasse nel sostantivo GLANDE (Untore), il professor Sboroni ha rassicurato le donne coreane dichiarando che non sono state trovate tracce di spermatozoi nel “droplet” del Super-Diffusore.
Tornando a noi, continua lo svuotamento degli ospedali.
Pensate che rispetto al 4 aprile oggi ci sono quasi 20.000 ricoverati in meno (33.004/13.817).
La conta degli attuali positivi registra 81.266 persone, 1.222 meno di ieri.
Per finanziare parte del decreto Cura Italia da lunedì saranno collocati i nuovi BTp Italia, titoli con cedole semestrali indicizzate e premio fedeltà per chi li terrà fino alla scadenza quinquennale.
Sempre che il debito italiano resista un altro lustro…

domenica 10 maggio 2020

Un nuovo Papa

Dopo la prima settimana di parziali aperture, oggi è il primo crash-test della Fase 2.
Le Regioni infiammano la discussione chiedendo di fissare al 18 maggio la riapertura delle attività ancora congelate. 
Basso profilo del Governo che non si pronuncia in attesa degli esiti del post 4 maggio.
Luca Zaia palesa insofferenza nei confronti del Comitato tecnico scientifico nazionale, reo di non distinguere l’esercizio scientifico dalla vita reale. 
Zaia è esplicito anche sulla natura del virus: “Se perde forza significa che è artificiale”. 
Il fedele Prof. Crisanti glissa: “Non c’è alcuna prova, non ha senso affermarlo”.

La scienza ufficiale, con l’onnipresente dottor Sboroni in prima fila, esclude la possibilità che il virus sia artificiale, anche se il professore emerito dell’Università di Padova Giorgio Palù ammette che “la scienza dovrebbe ricordare ciò che diceva Socrate: so di non sapere”. 

Per non dire del Prof. Luc Montagnier, premio Nobel per la Medicina nel 2008, il quale si dice certo che il virus sia stato costruito in laboratorio.

Comunque con meno 4.637 positivi rispetto a ieri e 1.159 pazienti in meno ricoverati in ospedale, il primo crash-test è superato.
E se Luca Zaia riuscisse dove i riti e le preghiere del Papa hanno fallito, allora nessuno potrà negare l’anticipo a luglio delle elezioni.
I cardinali si preparino al Conclave, presto avremo un nuovo Papa.

domenica 22 dicembre 2019

E adesso? BOH!

Per una volta la sala riunioni è una tavola imbandita.
Strette di mano. Abbracci.
Il ritmato scandire del mio nome esige il riconoscimento del diritto al discorso.
Sono lucido e felicemente sedato.
Ho resistito a centinaia di riunioni e migliaia di slide.
Sono uscito indenne perfino da una dozzina di - il prossimo anno ci attendono obiettivi particolarmente sfidanti.
Soprattutto questa sala ha ispirato i personaggi che per anni hanno animato il mio blog: Gigi Cravatta, Max Formichina, La Barista Preferita, Nafta, El Salumier ed altri ancora.
E finalmente oggi, per opportuno approdo verso inedite prospettive, nel buco nero di progetti per l'imminente divenire mi ritrovo a proiettare la metafora dell'ultima diapositiva: