lunedì 11 luglio 2011

Parametro Zen

Mentre si allenta la voracità di agonismo, emerge prepotente la voglia di ascoltare.
E' ancora alto il sole del tardo pomeriggio quando mi abbandono al ragionato rito del corpo.
Lo ringrazio per quello che mi ha dato.
Lo faccio a modo mio, flettendo i tricipiti e contraendo gli addominali.
Viaggio a parametro Zen cercando di non sbandare, di non cedere ai miraggi dell'ignoto.
Forzo l'istinto. E' come trattenere un cane da fiuto. Come impedire ad un vulcano di eruttare.
Nessuno potrà fermare la violenza della Natura. Nessuno potrà opporsi all'uragano.
Uhmmmmmmmmm........Uhmmmmmmmmmm........Uhmmmmmmmmmmm...
...

Nessun commento:

Posta un commento